Domande Frequenti

 Psicologa e Psicoterapeuta  a  Rieti  - Domande Frequenti

Questa sezione del sito, senza alcuna pretesa d’esaustività, ha lo scopo di fornire, a tutti coloro che hanno deciso o stanno decidendo di chiedere un aiuto psicologico, utili informazioni e chiarimenti riguardo alla professionalità psicologica e psicoterapeutica. Vuole essere una sorta di vademecum in grado di orientare nella scelta del professionista più consono alla problematica presentata ed allo stesso tempo vuole sfatare alcuni falsi miti legati alla figura dello Psicologo e dello Psicoterapeuta.

È questa una domanda che ne racchiude diverse e che cercherò di rispondere qui di seguito.

Iniziamo con il chiarire chi è lo Psicologo e dicendo cos’è pertinente alla sua qualifica professionale e cosa, per contro, non lo è, per poi passare ai medesimi chiarimenti riguardo la figura dello Psicoterapeuta.

Lo PSICOLOGO consegue tale qualifica professionale, al termine di una laurea di cinque anni in Psicologia presso un’Università Italiana, a seguito del superamento dell’esame di Stato ed il relativo tirocinio professionale, effettuato sotto la supervisione di un tutor regolarmente iscritto all’Ordine, e può esercitare la professione solo dopo essersi iscritto all’Ordine degli Psicologi.

Può occuparsi della valutazione conoscitiva e della diagnosi, quindi svolgere attività di: prevenzione, abilitazione-riabilitazione, sostegno psicologico e consulenza psicologica  rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle Comunità. La professione di Psicologo comprende, infatti, l'uso degli strumenti conoscitivi e di intervento atti a svolgere quanto pocanzi indicato e quindi prevedere: l’uso del colloquio clinico, la somministrazione di test ed interviste strutturate e semistrutturate. Lo Psicologo può inoltre, svolgere attività di sperimentazione, ricerca e didattica in ambito psicologico.

Non può svolgere nessun tipo d’intervento o attività con una finalità terapeutica, ciò vuol dire che lo Psicologo NON può svolgere l’attività di Psicoterapia.

Dopo l'analisi del problema, presentatogli da chi richiede il suo aiuto, e dopo tutti gli accertamenti del caso, può intervenire, direttamente, tramite tecniche di consulenza o indirizzare il paziente verso professionisti specialisti più adatti, tra i quali: lo PSICOTERAPEUTA qualora nell’ambito dell’attività consulenziale e/o diagnostica abbia, di fatto, rilevato disturbi psichici che necessitano di un percorso di psicoterapia.

Inoltre IN NESSUN CASO PUÒ prescrivere psicofarmaci!

PSICOTERAPEUTA è lo Psicologo che dopo la laurea quinquennale in Psicologia, un anno di tirocinio, il superamento dell’esame di Stato e la regolare iscrizione all’albo dell’Ordine degli Psicologi, ha conseguito un diploma di specializzazione in Psicoterapia presso una Scuola di Specializzazione Universitaria oppure Privata, riconosciuta dal Ministero competente, la cui durata è di almeno quattro anni e prevede esami intermedi per ogni anno e la discussione di una tesi al termine dell’intero percorso di studi. L’esercizio della Psicoterapia prevede, inoltre, che il professionista richieda ed ottenga l’annotazione come Psicoterapeuta dall’Ordine degli Psicologi cui risulta regolarmente iscritto.

Inoltre può esercitare la Psicoterapia il Medico laureato in Medicina e Chirurgia che dopo la laurea ha frequentato uno Scuola di specializzazione in Psicoterapia.

Lo PSICOTERAPEUTA può svolgere attività di psicoterapia individuale, di coppia, familiare e di gruppo, facendo riferimento e tenendo conto dell’approccio terapeutico in cui si è specializzato nei quattro anni di Scuola di Specializzazione.

In nessun caso può prescrivere farmaci e/o intervenire in un ambito sanitario che esula dalle competenze prettamente psicologiche.

Quando nella pratica clinica, lo Psicoterapeuta si rende conto della presenza nel paziente, accanto alle difficoltà psicologiche, di una sintomatologia di altra natura e/o comprende la necessità, di un supporto farmacologico vista la psicopatologia presentata, ha il dovere professionale d’indirizzare il paziente verso l’aiuto del professionista specialista del caso. Per una presa in carico efficace del paziente, è ,infatti, fondamentale ed auspicabile, la collaborazione dello Psicoterapeuta, con altre professionalità sanitarie quali quelle dello:  Psichiatra, Nutrizionista, Neuropsichiatra Infantile, Logopedista, Assistente Sociale, Medico di famiglia o specialista in altra branca medica.

Contrariamente a quanto generalmente si pensa ci si può rivolgere ad uno Psicologo non soltanto quando si è preda di una difficoltà che impedisce una vita serena e soddisfacente in ambito relazionale, familiare e/o lavorativo ma, anche quando si sente il bisogno di un aiuto esperto semplicemente per migliorare il proprio benessere!

Lo psicologo, non si occupa soltanto di clinica; esistono diversi ambiti in cui la professionalità psicologica può essere impiegata efficacemente, come ad esempio: nello Sport,  a Scuola  nelle Aziende, per indicare solo alcuni dei suddetti ambiti di competenza.

Lo Psicologo, infatti,  è la figura di riferimento professionale anche per tutti coloro che desiderano ricevere un aiuto competente nell'ottimizzazione della qualità della vita, nel supporto alle normali crisi di crescita o nell'adattamento agli eventi più significativi.

Lo Psicologo può essere di aiuto ad imprenditori e aziende per le problematiche relazionali e organizzative e per la migliore gestione dei gruppi.
In ambito sportivo la competenza psicologica può essere impiegata per migliorare e rendere più efficace  la preparazione psicofisica degli atleti e dei loro allenatori e preparatori atletici.

A Scuola lo Psicologo può offrire un valido supporto non soltanto ai ragazzi ma anche ad insegnanti, dirigente scolastico e genitori, in tutte quelle situazioni in cui diviene necessario dare una risposta immediata non soltanto alla componente cognitiva ma anche emotiva dei diversi attori scolastici.

Possono dunque rivolgersi allo Psicologo: singoli cittadini, scuole, cooperative sociali, tribunali, istituti bancari, istituti di pena, istituti di ricerca, studi legali, società sportive etc.

Lo Psicoterapeuta, com’è già stato chiarito, è in grado di offrire tutte le importanti prestazioni dello Psicologo, ed in più, grazie alla sua formazione specialistica in psicoterapia, può intervenire in tutti quei casi in cui è necessario per il paziente, sia esso il singolo individuo, la coppia o la famiglia, intraprendere un percorso terapeutico per la risoluzione delle difficoltà presentate, che non può essere affrontata a livello consulenziale e/o di un breve supporto psicologico.

La pervasività con cui si presentano, a volte, alcune problematiche psicologiche, tale da condizionare negativamente le relazioni affettive, familiari, lavorative , scolastiche e sociali, della persona in difficoltà, rende, indispensabile, per la stessa, intraprendere un percorso di psicoterapia che le consenta di affrontarle e superarle in maniera adeguata e risolutiva.

Lo Psichiatra è un laureato in Medicina che successivamente ha conseguito una specializzazione in Psichiatria con una formazione di base prevalentemente "medico-farmacologica". Lo Psichiatra è dunque, un medico che si occupa di quella branca della medicina che ha per oggetto la diagnosi, la prevenzione e la terapia farmacologica delle malattie mentali. Lo Psichiatra quindi, a differenza dello Psicologo e dello Psicoterapeuta può prescrivere psicofarmaci per la cura dei pazienti che ad esso si rivolgono.

Un aspetto molto importante, che spesso non viene menzionato, riguarda la presa in carico di uno stesso paziente sia dallo Psichiatra per il controllo farmacologico, che dallo Psicoterapeuta per un percorso di terapia psicologica, al fine di garantire allo stesso, un intervento  che corrisponda efficacemente ed in modo puntuale alle sue specifiche esigenze.

Psicoterapeuta e Psichiatra possono collaborare per il benessere psico-fisico del paziente!

In alcuni casi, il solo intervento psicofarmacologico o psicoterapeutico, infatti, non è sufficiente a garantire un valido aiuto al paziente, per cui l’intervento psicoterapico, abbinato alla farmacoterapia, ha un importante ed insostituibile ruolo nella protezione dalle possibili ricadute (Muller 1991).

Cerchiamo ora di fare un po’ di chiarezza riguardo alla Psicoterapia

In che cosa consista una Psicoterapia e quale sia l’utilità della stessa, è già stato chiarito in altra parte del sito (vedi AMBITI D’INTERVENTO-PSICOTERAPIA); qui vorrei cercare di dare risposta ad altre domande che spesso mi vengono rivolte riguardo al percorso psicoterapeutico.

La durata di una Psicoterapia varia a seconda del paziente e del tipo di disagio che lo riguarda; non può essere stabilita a priori ma, sempre, definita in base alla specificità ed unicità di chi costruisce il percorso psicoterapeutico: il Terapeuta ed il paziente insieme.

Esistono differenti approcci in Psicoterapia, da cui derivano alcune differenze nelle modalità di intervento e, soprattutto, non tutti gli approcci sono indicati per la condizione di un dato paziente. Gli approcci maggiormente condivisi e diffusi sono quello: Psicodinamico, Sistemico-Relazionale e Cognitivo Comportamentale  a ciascuno dei quali afferiscono diversi Modelli teorici e tecnici.

Tuttavia, come già specificato, in altre parti di questo sito, al di là del suo orientamento formativo o della cornice teorica di riferimento,  il Terapeuta utilizza, spesso, interventi appartenenti a Modelli diversi, al fine di poter offrire, a chi richiede il suo aiuto, la risposta più consona ed efficace per la sua situazione.

Va, inoltre, sottolineato che è dovere professionale del Terapeuta a cui ci si è rivolti, fornire al paziente le giuste indicazioni riguardo all’approccio psicoterapeutico più consono alla problematica o situazione presentata  e quindi suo compito quello di inviare ad altro collega o specialista la persona che ha richiesto il suo intervento, qualora non ritenga possibile fornire allo stesso un aiuto adeguato.

ED ORA SFATIAMO ALCUNE FALSE CREDENZE RIGURADO LO PSICOLOGO, LO PSICOTERAPEUTA E LA PSICOTERAPIA

Quelle che seguono sono frasi che si sentono pronunciare molto spesso e che purtroppo ad oggi  sono ancora convinzioni di molti, pur non avendo alcun fondamento di verità!

Chi decide di rivolgersi ad uno Psicologo o ad uno Psicoterapeuta non è né un “matto” ( ci sarebbe poi tanto da dire su quest’aggettivo ma… non è questa la sede giusta) nè tantomeno un debole! Dimostra invece una grande forza! Perché chiedere un aiuto esperto denota consapevolezza di avere un disagio ed allo stesso tempo il riconoscimento dei propri limiti, capacità queste che non sono assolutamente attribuibili a chi, come il cosiddetto “matto”, manca di un buon dato di realtà e dunque di consapevolezza delle proprie ed altrui necessità.

Aggiungerei inoltre, che la persona o le persone che si rivolgono a noi sono, particolarmente, attente al loro benessere ed auspicano ad un miglioramento continuo dello stesso! Infatti, ci si può rivolgere ad uno  Psicologo anche quando,  si sente, semplicemente, il bisogno del contributo di un esperto per “accrescere” il proprio stato di benessere e/o si è interessati ad approfondire la conoscenza di se stessi attraverso un percorso di Psicoterapia. (vedi anche la risposta a quando ci si rivolge ad uno Psicologo).

In ogni ambito professionale da quello prettamente Clinico a quello:

  1. Scolastico
  2. Sportivo
  3. Giuridico
  4. Penitenziario
  5. della Formazione
  6. Ricerca scientifica
  7. Urgenze/Emergenze
  8. Orientamento
  9. Comunità
  10. Aziendale

Psicologo e Psicoterapeuta operano al fine di migliorare la capacità delle persone di comprendere se stessi e gli altri e di comportarsi in maniera consapevole, congrua ed efficace.

Quando si è preda di un dubbio o di un problema rivolgersi, immediatamente  alle persone che ci sono accanto, familiari ed amici, è sicuramente una scelta giusta  e valida, ma quando il disagio che si sta vivendo appare chiaramente non superabile facendo appello alle stesse, è fondamentale rivolgersi ad un professionista qualificato.

Lo Psicologo e lo Psicoterapeuta posseggono, diversamente da parenti ed amici, competenze e strumenti utili ad affrontare “difficoltà strutturate” e, non essendo coinvolti in dinamiche affettive con il paziente, sono in grado di offrire allo stesso, accanto alle conoscenze cliniche, obiettività capacità di ascolto e comprensione, tali da consentire una totale apertura e fiducia da parte di chi ad essi si rivolge, senza incorrere nel rischio che quanto rivelato possa in alcun modo inficiare, complicandole, la relazione e le vicissitudini quotidiane!  La stessa cosa, certo, non si può dire di amici e familiari.

Posto che né lo psicologo né lo Psicoterapeuta sono dotati di tale capacità, come recita  L’art. 3 del codice deontologico, a cui ogni professionista sia esso Psicologo o Psicoterapeuta deve attenersi:  …lo psicologo è consapevole della responsabilità sociale derivante dal fatto che, nell’esercizio  professionale, può intervenire significativamente nella vita degli altri; pertanto deve prestare particolare attenzione ai fattori personali, sociali, organizzativi, finanziari e politici, al fine di evitare l’uso non appropriato della sua influenza, e non utilizza indebitamente la fiducia e le eventuali situazioni di dipendenza dei committenti e degli utenti destinatari della sua prestazione professionale.

Non tutte le psicoterapie durano anni! Esistono, infatti, anche le cosiddette Psicoterapie brevi e comunque la durata di un percorso terapeutico è strettamente legata alla peculiarità del paziente e della difficoltà presentata, nonché all’approccio seguito dal professionista cui ci si rivolge. Per quanto concerne il costo, sicuramente la Psicoterapia prevede, anche, un impegno economico da parte del paziente che, tuttavia, può essere discusso e concordato con il Terapeuta, in modo tale che, sia sempre una spesa sostenibile ed alla portata di chi chiede il suo aiuto.

Consulenza e Sostegno Psicologico: all’individuo, alla coppia ed alla famiglia

Consulenza per Cooperative ed Associazioni che gestiscono servizi socio-sanitari ed educativi

Psicoterapia individuale (adolescenti e adulti)

Psicoterapia di coppia

Psicoterapia Familiare